giovedì 4 aprile 2013

«E allora chi voti?»

Dicono, con sarcasmo scolastico e mal riuscito:
- Eh, certo, è stato Grillo a rovinare questo Paese per più di vent'anni, eh?

La prima riflessione è: tanto benaltrismo non l'ho visto nemmeno ai tempi di "E allora il comunismo?!"
Comunque, in poco più di venti giorni, Grillo - con i grillini - è arrivato vicino agli apici berlusconiani e dalemiani di vent'anni. Sicuramente ha un potenziale enorme, innato, nel farci fare figure di merda. Avanti così, che ci piace!

- Benvenuto, sig. Grillo. Dietro di lei c'è il presidente del consiglio?
- Sì, vaffanculo, uno vale uno, potevi votare PDmenoelle.

6 commenti:

  1. Ma perchè in Italia con 20000 generali in giro, a nessuno di questi è mai venuto in mente di fare un golpe e risparmiaci tutta sta sofferenza? :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci ha già provato Borghese...

      Elimina
    2. ma allora che cxxo si deve fare..? io nn so ma Si dice che grillo e stato sistematicamente introdotto nel sistema per contenere la massa che senza di lui sarebbe sfociata in una rivoluzione.. Tutto calcolato per completare la distruzione del ceto medio senza che ciò sia puntuta sfociare nella violenza... Tutto calcolato insomma dalle lobbie del potere...

      Elimina
    3. Grillo serve al "sistema", come lo chiamate voi. E lo si è visto in questi giorni, quando il PD e il PDL hanno potuto giustificare l'eterna ripetizione del reale "perché altrimenti vince Grillo". È una figura retorica la ribellione di Grillo, come lo è la responsabilità dei "partiti".

      Elimina
  2. Che poi il disastro attuale sia figlio dei soli ultimi 20 anni è tutto da dimostrare. Sicuramente hanno dato la spinta definitiva giù dal ciglio del burrone ad un paese che da 30? 40? anni vive al di sopra dei propri mezzi e delle proprie qualità. E con paese intendo NOI, non un terzo soggetto di cui non sono correo, giusto per precisare. Pensare che tra gli 8 milioni di votanti M5S non ci sia nessuno che direttamente o indirettamente ha goduto dei veri costi della politica (prebende localistiche, contributi a pioggia, finanziamenti allegri, pensioni yuppidoo che tanto pagheranno i nipoti) è grottesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti... ne ho già scritto il 17 febbraio su http://vuoiqueikiwi.blogspot.it/2013/02/cari-non-grillini-voi-dove-eravate.html
      Ma al di là del mio post... è evidente a ogni persona dotata di ragione.

      Elimina